Gengis Khan. Il guerriero figlio della steppa

di Richard J. Samuelson

“Samuelson traccia un ritratto che riscatta l’uomo e l’imperatore da un’immagine di crudeltà ormai superata” (Mongolia.it).

Questo audiolibro ripercorre la vita e le gesta di uno dei più grandi condottieri della storia dell’umanità, un guerriero analfabeta e cresciuto in condizioni miserabile che fu capace di conquistare l’Impero più vasto che la Storia ricordi.

Per molto tempo gli storici si sono limitati a considerare Gengis Kahn come un barbaro, un uomo violento che attraverso scorribande e razzie aveva conquistato un impero da sogno.

Nella storiografia recente invece, grazie a studi più approfonditi e alla caduta di molti pregiudizi ideologici, la vita di Gengis Khan si è rivelata molto più complessa ed intrigante di quanto sarebbe potuta sembrare fino a pochi anni fa. Nel 2000 infine la consacrazione: il Whashington Post infatti ha nominato l’imperatore mongolo “uomo del millennio”.